Pajero - Montero

Tamiya Pajero Mitsubishi, modello numero 58044, messo in vendita nel 1984 e disponibile sul mercato fino al 1986
Carrozzeria in Stirene
Telaio Pajero

Analisi del modello da restaurare
Il punto di partenza di questo restauro non è dei migliori. E’ sicuramente un modello che è stato usato, i precedenti proprietari hanno modificato il telaio nella parte posteriore (zona porta batteria e torri che sostengono la carrozzeria) e nella parte anteriore (attacco carrozzeria). La parte posteriore è stata modificata completamente tagliando il bordo che trattiene la batteria e i due supporti per la carrozzeria. La struttura anteriore che serve per fissare la carrozzeria è stata completamente tolta. La struttura del telaio è ancora integra: tecnicamente è ragionevole cercare di salvare questo telaio riparando le parti modificate.

Sono poche le parti che completano questo telaio:

– sospensioni anteriori a forma di A che comprendono il sistema di sterzo,
– quattro ruote e relativi cerchioni isodiametri,
– gruppo posteriore della trasmissione che comprende le sospensioni e il gruppo motore e
– pochi altri particolari per bloccare i bracci delle sospensioni, elettronica e carrozzeria.

Tutte queste parti sono in comune con i modelli del telaio Grasshopper: sono facilmente reperibili sul mercato.

La carrozzeria non è messa meglio:

– il parabrezza è incollato alla carrozzeria ed è stato colorato, una patina di stucco è stata applicata ai frangi vento destro e sinistro e sono stati disegnati i lavavetri
– angolo sinistro del paraurti posteriore è completamente assente,
– paracolpi nero anteriore sinistro è scheggiato e
– passaruota anteriore destro e sinistro presentano diverse crepe.


Restauro telaio
Come sempre, la parte più lunga è il restauro delle gomme; le gomme sono in buone condizioni e non presentano tagli, hanno perso un po’ di elasticità e secche. Sequenza di immagini che riassume il lavoro di restauro delle ruote in gomma:

– sciacquare le gomme con acqua calda con poco sapone sgrassante per lavare i piatti e uno spazzolino da denti a setole morbide. Togliere tutto lo sporco possibile e cercare di evitare di incrementare le dimensioni dei tagli,
– immergere le gomme completamente dentro un contenitore che contiene glicerina pura al 99,5% per 7 giorni,

– lasciare le gomme appoggiate su un panno di carta da cucina per 7 giorni, ogni giorno cambiare il panno di carta e girare le gomme in modo tale da facilitare l’emulsione della glicerina,
– pulizia quotidianamente dalla glicerina residua con un panno di carta da cucina per 7 giorni finché le gomme sono completamente asciutte.

E’ necessario ripristinare le modifiche fatte dai precedenti proprietari nella parte posteriore che hanno modificato:

– porta batteria e
– due torri dei sostegni della carrozzeria.

Questa è la lista del materiale necessario per procedere alla ricostruzione di queste due parti:

– taglierino, forbice e righello,
– foglio di ABS dallo spessore di 2 millimetri,
– tubo di ABS dal diametro di 6 millimetri,
– soluzione di acetone ed ABS con prevalenza di ABS. Questa soluzione è molto densa e trova la sua migliore applicazione per unire piccole parti che devono essere saldate su una superficie, la goccia di soluzione resta nel punto in cui è stata posata.

Chi ha eseguito la modifica, ha avuto la manualità di eseguire un taglio netto e pulito: quindi il telaio è già pronto per essere riparato senza subire ulteriori manomissioni. Sequenza di immagini che riassume il lavoro di riparazione per la piattaforma posteriore porta batteria:

– tagliare dal foglio di ABS due strisce larghe 10 millimetri per ricostruire la piattaforma posteriore. Lo spessore delle due strisce è stato calcolato utilizzando come riferimento un telaio Pajero integro,
– saldare con la soluzione di ABS ed acetone le due strisce al telaio sul lato destro e sinistro della piattaforma,
– dopo 12 ore le due strisce e il telaio sono saldati insieme infatti acetone ha sciolto le plastiche fondendole insieme, adesso è possibile fondere il bordo che trattiene la batteria. Tagliare una striscia di 12 millimetri lunga tanto quanto il perimetro della piattaforma posteriore. Altezza della striscia è stato calcolato utilizzando come riferimento un telaio Pajero integro Lo spessore di 2 millimetri del foglio permette di piegare la striscia di ABS senza utilizzo di nessun attrezzo, quando la striscia è piegata questa mantiene la nuova forma. Applicare la soluzione di ABS ed Acetone che fonde insieme la piattaforma posteriore e la striscia,
– testare il nuovo porta batteria inserendo una batteria da 7,2 V nella configurazione 5+1 che è lo standard usato per il Pajero 58044. La batteria si blocca all’interno del perimetro della piattaforma porta batteria esattamente come nel modello non modificato originale.

Sequenza di immagini che riassume il lavoro di riparazione per le due torri porta carrozzeria:

– tagliare due tronconi lunghi 20 millimetri dal tubo dal diametro di 6 millimetri,
– forare con una punta da trapano da 2,5 millimetri in modo tale da poter poi avvitare i due perni che fissano le clip della carrozzeria,
– saldare alla carrozzeria le due torri usando la soluzione di ABS ed Acetone. Dalle immagini utilizzate per mostrare la lavorazione della piattaforma posteriore si nota che sul telaio sono ancora presenti i fori dei perni in metallo, quindi, è facile trovare la giusta posizione dove unire il telaio alla torre destra e sinistra,
– rinforzare le torri unendole al porta batteria con un ala ricavata dal foglio di 2 millimetri di spessore.

Ora è possibile ripristinare le modifiche fatte dai precedenti proprietari nella parte anteriore che hanno eliminato la parte evidenziata in rosso nella immagine che serve per bloccare la carrozzeria al telaio. Questa è la lista del materiale necessario per procedere alla ricostruzione di queste due parti:

– taglierino, forbice e righello,
– foglio di ABS dallo spessore di 3 millimetri,
– tubo di ABS dal diametro di 4 millimetri,
– soluzione di acetone ed ABS con prevalenza di ABS. Questa soluzione è molto densa e trova la sua migliore applicazione per unire piccole parti che devono essere saldate su una superficie, la goccia di soluzione resta nel punto in cui è stata posata.

Chi ha eseguito la modifica, ha avuto la manualità di eseguire un taglio netto e pulito: quindi il telaio è già pronto per essere riparato senza subire ulteriori manomissioni. Sequenza di immagini che riassume il lavoro di riparazione per la piattaforma posteriore porta batteria:

– ricostruire il perno anteriore che è formato da un tubo e una piastra a forma di U,
– unire le due parti con la soluzione di Acetone ed ABS, aspettare 12 ore che la soluzione faccia effetto saldando in modo indissolubile le due parti,
– arrotondare le due estremità del tubo lavorando le superfici con carta abrasiva 600 e poi 1.000,
– saldare il perno al telaio usando la soluzione di Acetone ed ABS.

Ora non resta che passare con un pennello una soluzione molto liquida di ABS ed Acetone, questa soluzione ha il compito di saldare meglio le parti unite penetrando nei micro pori delle giunzioni.
Passate 12 ore è possibile lavorare con carta abrasiva 1.000 per rendere le superfici delle giunzioni perfettamente lisce al tatto.
Il telaio restaurato calza perfettamente con una carrozzeria integra del Pajero, il risultato è ottimale.

Sequenza di immagini che mostra come dare il colore al telaio riparato:

– applicare due mani di Primer Surface Grey, questo fondo è meno liscio al tatto, ma molto più robusto e
– applicare due mani di vernice nera opaco TS6.

Disassemblare la trasmissione posteriore che comprende anche il sistema di sospensioni, Lavare con acqua calda e sapone tutte le parti in metallo e plastica. Lavare tutta la minuteria e le parti in metallo con la lavatrice ad ultrasuoni per un tempo di 25 minuti a 70°C. Separare i metalli diversi. Lavare tutte le parti in plastica e teflon con la lavatrice ad ultrasuoni per un tempo di 25 minuti a 40°C.
Sciacquare con acqua calda le parti appena trattate ed asciugare con un panno da cucina di carta. Lucidare le parti con polish oppure dentifricio.
Sequenza di immagini che mostra le parti prima (a sinistra) e dopo (a destra) il trattamento di lavaggio.

Sequenza di immagini che mostra come riassemblare le parti:

Restauro carrozzeria

Il parabrezza è stato incollato alla carrozzeria, è stata usata colla cianacrilica; c’è solo un metodo per staccare le due parti: usare una azione meccanica inserendo un cacciavite abbastanza largo da fare la leva. Le rotture sono da dare per scontate infatti alla fine dell’operazione si è scheggiato il vetro e si è rotto uno degli attacchi del vetro.
Conservare tutte le parti che si sono staccate dal vetro che saranno incollate usando colla cianacrilica come se si stesse facendo un puzzle.

I vetri dell’abitacolo sono ricoperti da qualcosa che sembra cemento e da colore bianco, per portare i vetri a uno stato che sia il più simile a quello originale eseguire queste operazioni:

– immergere per almeno due ore le parti in alcool etilico denaturato puro al 90% o più; alcool privo di aromi o coloranti rosa, in commercio si trova alcool puro fino al 99%,
– lavorare le superfici con carta abrasiva bagnata nell’alcool stesso, usare carta da 2.000 perché non lascia righe o segni sulle superfici.

Ripetere queste due operazioni fintanto che il risultato non è soddisfacente. Il cemento ha attaccato le superfici che ora non sono più così lisce, ma l’operazione ha riportato a un buon stato delle superfici.

Ora le varie parti del vetro possono essere unite come un puzzle e ridare la forma originale ai vetri

La carrozzeria ha diverse parti che sono da ricostruire completamente ed alcune sono solo da riparare:

– paraurti posteriore sinistro completamente da ricostruire,
– paravento e bordo finestrino sinistro da ricostruire,
– sgocciolatoio destro e sinistro mancante in alcuni punti da ricostruire,
– attacco del vetro da ricostruire,
– passa ruota anteriore destro e sinistro da riparare e
– paraurti anteriore sinistro.

Per tutte queste operazioni la lista del materiale necessario alla ricostruzione è la seguente:

– soluzione di acetone ed ABS con prevalenza di acetone. Questa soluzione è molto liquida e trova la sua migliore applicazione per unire grandi superfici regolari oppure per penetrare dentro fessure,
– taglierino, forbice e righello,
– carta abrasiva da 600, 800, 1.000,
– barra di ABS a sezione quadrata da lato 1 millimetro e
– foglio di ABS dallo spessore di 2 millimetri.

Facendo leva con un cacciavite per separare il vetro e il telaio, il frangivento sinistro si è spezzato all’altezza dell’attacco sul tetto e si è staccato un pezzo del bordo del finestrino sinistro. Tutte le parti sono presenti perché sono state conservate, quindi l’operazione da eseguire è saldare tutte le parti alla carrozzeria nella giusta posizione con uso di Acetone ed ABS.
Per togliere la parte in eccesso usare carta abrasiva da 600 e poi da 1.000; per rendere più marcata l’angolo tra il contorno del vetro e la carrozzeria usare il taglierino facendo attrito sulle linee di demarcazione (vedere la foto a destra), questa operazione toglie ultimo materiale in eccesso.

Sul lato sinistro manca buona parte dello sgocciolatoio da metà della portiera fino alla parte anteriore.
Sequenza di immagini che mostra come riparare lo sgocciolatoio:

– tagliare una barra di ABS a sezione quadrata 1 x 1 mm,
– fissare la parte sul tetto con la soluzione di Acetone ed ABS,
– aspettare 4 ore che le parti si fondano insieme,
– lavorare la parte con carta abrasiva da 600 e poi 1.000,
– definire la parte con la punta di un taglierino per eliminare le parti in eccesso e rendere marcata gli angoli

Sul lato destro manca una piccola porzione dello sgocciolatoio nella parte centrale del finestrino. Sequenza di immagini che mostra come riparare lo sgocciolatoio:

– tagliare una barra di ABS a sezione quadrata 1 x 1 mm lunga tanto quanto la sezione da riparare,
– fissare la parte sul tetto con la soluzione di Acetone ed ABS,
– aspettare 4 ore che le parti si fondano insieme,
– lavorare la parte con carta abrasiva da 600 e poi 1.000,
– definire la parte con la punta di un taglierino per eliminare le parti in eccesso e rendere marcata gli angoli

Al paraurti anteriore destro manca una piccola porzione. Sequenza di immagini che mostra come riparare il paraurti:

– tagliare un triangolo che ha la stessa forma della parte da riparare dal foglio di ABS dallo spessore di 2 mm,
– fissare la parte sul paraurti con la soluzione di Acetone ed ABS,
– aspettare 4 ore che le parti si fondano insieme,
– lavorare la parte con carta abrasiva da 600, 800 e poi 1.000,

Il paraurti posteriore sinistro è completamente da ricostruire utilizzare la parte destra integra come campione per replicare le dimensioni esatte; questa riparazione va eseguita in diversi passaggi ricostruendo:

– parte superiore posteriore,
– parte laterale posteriore,
– parte superiore del lato sinistro e
– parte laterale del lato sinistro.

Per prima cosa ricostruire la parte superiore del paraurti nella parte posteriore. Una volta che la sezione è stata tagliata dal foglio di ABS spessore 2 millimetri confrontare la nuova parte destra. Utilizzare la soluzione di ABS ed Acetone per unire il telaio a questa piastra.

Per rendere la struttura più solida nella fase in cui la soluzione di acetone ed ABS unisce le due parti inserire anche il pezzo laterale verso il gancio ritagliato dal foglio di ABS spessore 2 millimetri ed utilizzando come dima la corrispondete sezione nella parte destra della carrozzeria. Abbondare con l’uso della soluzione permette che questa penetri al meglio tra le due parti, la parte in eccesso viene lavorata con carta abrasiva da 800 dopo 8 ore che la soluzione è stata spalmata sulla linea di separazione tra carrozzeria e piastra.

Per rendere più solida questa riparazione bisogna aggiungere la parte laterale posteriore che è composta da due rettangoli tagliati dal foglio spesso 2 millimetri prendendo come riferimento la parte corrispondente nel lato destro del telaio. La soluzione di acetone ed ABS applicata sulle linee di separazione salda queste nuove parti al telaio e alla piastra appena fissata al telaio, applicare una buona quantità di soluzione che è lavorata con carta abrasiva da 800 dopo 8 ore dalla sua applicazione.

Sagomare dal foglio di ABS spessore 2 millimetri la parte superiore laterale utilizzando come dima la corrispondente sul lato destro, saldare questa parte alla carrozzeria con la soluzione di ABS ed Acetone

Ci sono diversi punti in cui manca del materiale, quindi ritagliare alcuni pezzi dal foglio di ABS spessore 2 millimetri e saldarli al telaio usando la soluzione di acetone ed ABS.

Manca solo la parte angolare laterale del paraurti sagomata; ritagliare una striscia dal foglio di ABS spessore 2 millimetri, utilizzare come riferimento l’equivalente parte nel lato destro. Utilizzando le mani per piegare a 90° l’angolo arrotondando la sezione, fissare la parte utilizzando la soluzione di ABS ed Acetone, mollette in legno permettono di bloccare il paraurti in posizione.

Dopo che la soluzione di ABS ed acetone ha saldato le varie parti, lavorare le parti con carta da 600 ed 800. Replicare la curva del passaruota posteriore sinistro, del bordo inferiore e della curva dell’angolo lavorando le parti con carta abrasiva da 600 e 800.

Sequenza di immagini che mostra come riparare i danni ai due passa ruota anteriori:

– applicare due o più mani di soluzione di acetone ed ABS sulle parti interessate,

– lavorare con carta abrasiva da 600 le superfici ridando la forma ai passaruota e
– lavorare con carta abrasiva 1.000 le superfici.

Sequenza di immagini che mostra come riparare l’attacco del vetro al tetto:

– ritagliare un pezzo da una barra in ABS diametro 5 millimetri,
– guardando la parte da riparare è evidente che bisogna aggiungere un mezzo cilindro,
– usando la carta abrasiva da 600 lavorare la il pezzo di barra per ottenere un semi cilindro forato,
– adattare il pezzo ottenuto al telaio dove la parte originale si è spezzata

– unire le parti usando soluzione liquida di ABS ed Acetone,
-lavorare la testa della parte riparata portandola alla stessa altezza delle altre tre

Per completare la carrozzeria servono:

– ruota posteriore
– Roll bar completo delle luci e
– ganci frontali per bloccare la carrozzeria al telaio.

Il roll bar è ancora disponibile sul mercato come set 19335616 e le altre parti sono ancora disponibile sul mercato come 19000272; questi set sono disponibili (nel 2024) come parti di ricambio per il modello Montero modello numero 58499.
Unica differenza con le parti originale del 1980 è che ora la plastica del set 19000272 è nera mentre in origine era bianca.


Sequenza di immagini che mostra come dare il colore alla carrozzeria e alle sue parti:

– applicare fondo bianco alla carrozzeria; “fine surface primer white”,

– applicare la vernice nera lucido al roll bar e le sue luci; TS14 “black”, in alternativa è possibile applicare nero X18

– applicare la vernice bianca lucida alla carrozzeria e alle sue parti; TS26 “pure white”,

– rifinire i particolari della carrozzeria come cornici perimetriche dei finestrini e del tettuccio sul tetto, angoli e para colpi centrali del paraurti anteriore, griglia frontale con nero opaco XF1; luce retromarcia, retro targa, luce posizioni anteriori e copri fari del roll bar con bianco X2; cassetta degli attrezzi inferiore che si trova sul pianale posteriore con XF59 giallo opaco sabbia del deserto; cassetta degli attrezzi superiore dove appoggia la ruota di scorta che si trova sul pianale posteriore con XF16 alluminio opaco; tanica della benzina presente nel pianale posteriore e le luci posteriori con rosso lucido X7; logo Mitsubischi, fari anteriori tondi, parte centrale del paraurti anteriore e posteriore con grigio alluminio X11; cinture blocca cassetta attrezzi nel pianale posteriore con grigio chiaro opaco XF66; frecce anteriori e posteriori con arancione X6; copriruota di scorta con sabbia XF57

 La carrozzeria è ormai terminata e si possono installare gli adesivi 

Modello restaurato
Immagini che mostrano il modello terminato.

Il Logo Tamiya, le immagini dei cataloghi, le confezioni , le guide tecniche sono di TAMIYA INC, che non supporta o sponsirizza in nessun modo www.tamiyaclassic.com. Tutti i marchi, loghi, immagini del sito sono copyright dei rispettivi proprietari e non appartengono a www.tamiyaclassic.com.