TOYOTA CELICA TURBO Gr.5

Modello
Tamiya Toyota Celica Turbo Gr.5 numero di articolo 58009, in vendita negli ultimi mesi del 1978 subito dopo la Countach CS e disponibile sul mercato fino al 1984.
Carrozzeria in polistirene.
Telaio Countach Competition Special

Analisi del modello da restaurare
Il telaio è completo e le parti sono tutte integre, nella immagine il telaio è smontato in attesa di restauro.

La carrozzeria richiede maggiore attenzione. Partendo dalla parte anteriore andando verso la parte posteriore, l’analisi della carrozzeria rileva che:
– il colore della carrozzeria è errato; ma è in polistirene blu, originale degli anni 80. Le riedizioni seguenti sono in polistirene bianco,
– manca completamente la griglia frontale e il gruppo fari,
– manca lo specchietto retrovisore pilota, è identico a quelli per i modelli Tamiya Porsche 934 numero di articolo 58001, Porsche 935 numero di articolo 58002, Countach numero di articolo 58008 + 58005 e Tyrrell P34 numero di articolo 58003.
– manca lo specchietto retrovisore passeggero (vedere nota per lo specchietto pilota),
– i vetri sono presenti, non sono in ottime condizioni perché ci sono segni di uso abbondante di colla; non hanno scheggiature evidenti,
– montante pilota spezzato verso il cofano
– montante passeggero rotto verso il cofano e manca un pezzo di circa un centimetro,
– manca griglia parafango posteriore destro,
– manca griglia parafango posteriore sinistro,
– manca grigia posteriore destra,
– manca completamente lo spoiler posteriore con i due sostegni,
– sono presenti tutte le parti cromate; maniglia portiera destra, maniglia portiera sinistra, prese aria montante posteriore destro e presa d’aria montante posteriore sinistro.

Restauro telaio
Le parti principali del telaio sono:

– paraurti anteriore in materiale plastico,
– corpo centrale in metallo,
– piastra in metallo porta batterie, servo e ricevente e
– piastra porta motore in metallo.

Sequenza di immagini che mostra il telaio prima e dopo operazione di lavaggio con acqua calda – sapone sgrassante da cucina e lucidatura con polish o dentifricio. 
Trattamento per minuteria e tutte le altre parti in metallo:
– lasciare per sette giorni la minuteria immerse nel gasolio per eliminare tracce di ruggine ed ossido,
– eseguire un ciclo nella lavatrice ad ultrasuoni; 25 minuti a 70°C e
– sciacquare in acqua calda.
Trattamento per tutte le altre parti in plastica e teflon:
– lavare con acqua calda e sapone da cucina sgrassante,
– eseguire un ciclo nella lavatrice ad ultrasuoni; 25 minuti a 40°C e
– sciacquare in acqua calda.

Sequenza di immagini che mostra come assemblare il telaio:
– assemblare il sotto assieme posteriore; asse, trasmissione, telaio di supporto per motore e ruote posteriori.
Scegliere tra installare differenziale o ingranaggio fisso, Tamiya suggerisce come prima scelta il semplice ingranaggio senza satelliti per la Lamborghini Countach CS modello 58008 e per la Toyota Celica Turbo Gr.5. Le istruzioni riportano il differenziale solo nelle pagine finali del manuale,
– installare il motore,
– assemblare bracci – fuselli anteriori, ruote anteriori e il sistema di sterzo con unico tirante centrale,
– completare il sistema dello sterzo installando la piastra del servo e il servo stesso,
– installare il paraurti nero ed
– assemblare la piastra porta regolatore meccanico della velocità, ricevente, batteria e batteria per servo-ricevente.

Sequenza di immagini che mostra come riparare il controllo meccanico della velocità a cui sono stati tagliati i cavi elettrici e manca il connettore per la batteria; sono presenti fusibile e tirante per il servo:
– unire saldandoli insieme i cavi della batteria (cavo rosso e nero),
– unire saldandoli insieme i cavi motore (cavo giallo e verde),
– unire con il biadesivo il controllo meccanico della velocità al servocomando,
– installare assieme sul telaio aggiungendo anche la ricevente. Ricevente e servo con MSC sono fissati al telaio dal biadesivo. Utilizzare fascette bianche di plastica per bloccare i cavi troppo lunghi.

Restauro carrozzeria
Operazioni preparatorie al restauro:
– pulire con acqua e sapone sgrassante da cucina la carrozzeria,
– togliere i vetri,
– togliere le parti cromate e
– staccare gli adesivi.

Per sverniciare la carrozzeria, riempire un contenitore con alcol isopropilico puro al 90% o più. Selezionare la versione che non contiene additivi come coloranti e profumi. Le operazioni da eseguire sono le seguenti:
– lasciare la carrozzeria immersa per 12 ore,
– estrarre la carrozzeria dal contenitore,
– rimuovere la vernice con aiuto di una spatola in legno morbido e attraverso un’azione meccanica delicata. Inutile insistere se la vernice non si toglie e
– ripetere questa sequenza di operazioni fintanto che la vernice è stata rimossa da tutta la superficie.
Utilizzare stuzzicadenti in legno per eliminare la vernice negli angoli e nelle parti non raggiungibili con una spatola. Quando alcool si asciuga la vernice inizia ad asciugarsi a sua volta e quando è completamente asciutta è impossibile toglierla, tenere la superficie bagnata dall’alcool per tutto il tempo che si applica l’azione meccanica.

La carrozzeria è spezzata in due parti: montante anteriore guidatore e presa d’aria passa ruote posteriore destro.
Per riparare queste parti usare la miscela di acetone ed ABS meno densa tra quelle disponibile:
– applicare con un pennello la miscela sui due lati da unire,
– tenere in posizione le due parti e bloccarle con una molletta in legno o metallo,
– aspettare che acetone faccia effetto; almeno 6 ore,
– posizionare una striscia di ABS come rinforzo utilizzando come collante la soluzione meno densa di soluzione ABS ed acetone e
– aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 6 ore.

Montante anteriore guidatore.

Presa d’aria passa ruote posteriore destro.

Il montante destro è spezzato, staccato dalla carrozzeria completamente e manca di una parte. Sequenza di immagini che mostra come riparare il montante passeggero:
– tagliare da un foglio di ABS una barra larga tanto il montante,
– applicare un movimento ondulatorio da destra verso sinistra e viceversa con un taglierino o un bisturi per ricavare la forma a gradino della sezione,
– accostare il pezzo al moncone di montante per verificare la forma e le corrette dimensioni,
– utilizzare la soluzione più densa di ABS ed acetone per unire le due parti,
– aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 6 ore,
– provare ad installare il pezzo nella carrozzeria,
– tagliare la corretta forma e lunghezza che permette di incastrare al meglio il montante nella carrozzeria,

– tagliare due strisce sottili di ABS che sono i due rinforzi,
– usare la soluzione più liquida di ABS ed Acetone per unire il montante ai due rinforzi, utilizzare due mollette in legno per tenere le 3 parti in posizione,
– aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 6 ore,

– con un pennello posizionare della soluzione densa di ABS ed acetone nei due punti in cui il montante si uniste alla carrozzeria,
– posizionare subito dopo il montante riparato,
– bloccare i due rinforzi usando le mollette in legno in modo tale che facciano presa sulla soluzione,
– aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 6 ore.

Lavorare le superfici delle parti riparate con carta abrasiva da 800, 1.200 e 1.500. Le tre rotture della carrozzeria sono ora pronte per la verniciatura.

Alettone posteriore manca completamente insieme alle due ali verticali che fanno da sostegno. Sequenza di immagini che mostra come costruire alettone e sostegni laterali, sono disponibili alettone e sostegni prelevati da un altro set nuovo che sono usati come campioni:

– applicare lo scotch da imbianchino su un foglio di ABS spesso 1 millimetro,
– sovrapporre le parti da replicare al foglio di ABS,
– marcare con un pennarello le sagome del supporto,
– i sostegni hanno una forma particolare che permette di incastrarli nella carrozzeria, ripetere la stessa operazione per preparare in totale due parti per il lato destro e due per il lato sinistro,
– per ottenere il supporto saldare queste due parti insieme spennellando acetone puro tra le due parti. Le due parti sono leggermente diverse tra loro e i due sostegni sono speculari,
– tenere unite le parti con due mollette di legno,

– testare le due ali e controllare la corretta installazione nella carrozzeria. Se necessario rifinire usando bisturi o taglierino,

– usando il set nuovo disponibile; ricavare la sagoma in cartone dell’alettone,
– tagliare da una lastra di alluminio spessore 1 millimetro la sagoma dell’alettone lasciando le due orecchie che servono per fissarlo alle due ali laterali,
– forare le due orecchie con una punta da 1 mm di diametro,
– piegare le ali a 90° usando come appoggio un’asse di legno,
– alettone ha una forma incurvata nella parte posteriore; posizionare alettone tra un piano di lavoro e un asse di legno larga tanto quanto alettone in modo tale che le orecchie si incastrino nell’asse di legno,. Lasciare una striscia di 1,5 cm fuori dall’asse di legno,

– piegare quanto sporge dall’asse di legno per circa 30° e
– provare installazione dell’alettone

Manca completamente la griglia frontale che comprende anche il gruppo luci; sequenza di immagini che mostra come costruire la grigia frontale, è disponibile una griglia frontale nuova prelevata da un altro set nuovo che è usata come campione:

– costruire le varie parti partendo dal pezzo nuovo,
– utilizzare sempre acetone puro per unire le parti; applicare con pennello e lasciare agire per almeno un’ora,
– incollare la base con la V di rinforzo inferiore; aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 1 ore,
– incollare aletta destra; aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 1 ore,
– incollare aletta sinistra; aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 1 ore,
– incollare la parte frontale destra; aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 1 ore,
– incollare la parte frontale sinistra; aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 1 ore,
– unire le due parti usando una striscia di foglio di ABS dallo spessore di un millimetro e soluzione di acetone densa; aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 1 ore,
– lavorare la giunzione con carta abrasiva da 1.000,
– applicare il rettangolo laterale destro e sinistro; aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 1 ore,

– prova di installazione; la griglia deve incastrarsi perfettamente nella carrozzeria,
– incollare le due alette frontali; aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 1 ore,
– costruire le lenti delle luci; utilizzare la confezione rigida di un CD, ritagliare un quadrato, con carta abrasiva da 600 arrotondare i bordi fintanto non si ottiene un cerchio perfetto dalle giuste dimensioni e
– prova di installazione delle lenti e della campana della luce. In questo caso le 4 campane a specchi sono di un set 58002 Porsche 935 il cui equivalente statico è ancora in produzione (2023).

Le principali riparazioni alla carrozzeria sono state portate a termine.

Manca completamente il pilotino, le due griglie del parafango posteriore e quella a lato destro dell’alettone. Per ricostruire le griglie usare la pasta Oyumaru; sequenza di immagini che mostra come la grigia laterale dell’alettone che è usata come campione. Usare la stessa tecnica per tutte le griglie:

– preparare pinzetta + pasta + contenitore in vetro,
– scaldare dell’acqua in un pentolino,
– appena acqua bolle; rovesciare l’acqua nel vasetto di vetro,
– immergere la pasta, dopo poche decine di secondi la pasta è abbastanza molle per poter essere schiacciata sopra la forma da replicare,
– estrarre dall’acqua la pasta usando le pinzette,
– manipolare la pasta, se la pasta contiene dei grumi solidi riscaldare nuovamente acqua e ripetere operazione,
– premere il pezzo da replicare nella pasta, per i pezzi piccoli è meglio premere il pezzo nella pasta,

– attendere diverse ore che la pasta si raffreddi tornando solida,
– estrarre il pezzo che ha fatto da campione,
– riempire lo stampo con soluzione di acetone e ABS,
– per rendere più veloce la creazione del radiatore; ritagliare un rettangolo da un foglio di ABS da inserire nello stampo insieme alla soluzione di acetone e ABS,
– aspettare 3-4 giorni che la soluzione solidifichi, una volta solidificata la soluzione si è ritirata quindi integrare aggiungendo nuova soluzione,
– aspettare 4-5 giorni che la soluzione solidifichi, estrarre il pezzo e
– rifinire le linee con una punta di un cacciavite o uno stuzzicadenti

Pulire i vetri con polish oppure con dentifricio.

Sequenza di immagini che mostra come ottenere il pilotino della Toyota Celica Turbo Gr.5 partendo dal pilotino per la Golf Mk1 racing Gr.2 (2023, questo si trova ancora in commercio):
– al pilotino della Golf manca aletta laterale per fissarlo al telaio e ha due cilindri posti alla base del corpo che devono essere tagliati; tagliare un foglio di ABS spessore 2 millimetri per ottenere una striscia larga tanto quanto il supporto del pilotino della Celica
– tagliare due rettangoli che abbiano le stesse misure del supporto della Celica,
– unire le parti con la soluzione densa di Acetone ed ABS; aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 6 ore,
– lavorare le parti con carta abrasiva 800 e 1.000,
– ricavare nel supporto il taglio perpendicolare al lato corto che aiuta installazione del pilotino nella carrozzeria,
– tagliare i due cilindri e lavorare la superficie con carta abrasiva 800 e 1.000,
– unire pilotino e supporto usando soluzione di acetone ed ABS; aspettare che la soluzione si solidifichi; almeno 6 ore e
– lavorare le parti con carta abrasiva 800 e 1.000.

Applicare il fondo alle varie parti e colorare:

– colore blu (TS15) sulla carrozzeria e le parti in vista,
– colore nero (rubber black XF85) per simulare le guarnizioni che sono a contorno del vetro anteriore e
– nero opaco (flat black XF1) per la griglia frontale del radiatore e per la griglia sul cofano.

Applicare i vetri dell’abitacolo, i vetri del gruppo fari anteriore e posteriore, le griglie laterali e posteriori, alette dell’alettone posteriore e alettone posteriore.

Applicare gli adesivi.

Modello restaurato
Immagini che mostrano il modello terminato.

Il Logo Tamiya, le immagini dei cataloghi, le confezioni , le guide tecniche sono di TAMIYA INC, che non supporta o sponsirizza in nessun modo www.tamiyaclassic.com. Tutti i marchi, loghi, immagini del sito sono copyright dei rispettivi proprietari e non appartengono a www.tamiyaclassic.com.