Thundershot

Il telaio Thundershot prende il nome dal primo modello rilasciato alla vendita che utilizzava questo telaio:

– Thunder Shot, modello numero 58067 messo in vendita nel 1987 e disponibile sul mercato fino al 1991
– Thunder Dragon, modello numero 58073 messo in vendita nel 1988 e disponibile sul mercato fino al 1992
– Terra Scorcher, modello numero 58075 messo in vendita nel 1988 e disponibile sul mercato fino al 1992
– Fire Dragon, modello numero 58078 messo in vendita nel 1989 e disponibile sul mercato fino al 1992

Inoltre per questo telaio è stato rilasciato alla vendita un kit completo di telecomando, batteria, carica batteria ed elettronica di bordo, il prezzo di vendita del modello completo era quasi 3 volte il prezzo di vendita del modello base:
– Thundershot, modello numero 57001 messo in vendita nel 1987 e disponibile sul mercato fino al 1988

La serie “dragon” è ispirata a un famoso fumetto manga giapponese “Radicon Boy”. I modelli riprendono le macchine le macchine guidate dal protagonista.

Questo telaio rappresenta per la Tamiya il biglietto da visita per gli appassionati che si avvicinano al mondo delle macchine radiocomandate a quattro ruote motrici

Sono diverse le pubblicità che Tamiya o i vari importatori nel mondo hanno pubblicato sulle riviste di settore, nell’immagine sotto riportiamo un esempio per la Thunder Shot.

Tamiya rimane fedele alla sua filosofia progettuale e i quattro modelli sono imparentati tra loro mantenendo alcune differenze in alcune parti, le caratteristiche principali di questo telaio spostandoci dalla parte anteriore verso la parte posteriore sono:

– sospensioni anteriori indipendenti a bracci sovrapposti con barra di torsione a singolo ammortizzatore C.V.A. per Thunder Shot e Thunder Dragon (a sinistra nella immagine). Sospensioni anteriori indipendenti a bracci sovrapposti con barra di torsione a doppio ammortizzatore C.V.A. per Terra Scorcher e Fire Dragon (a destra nella immagine). Il braccio superiore è a forma di I e quello inferiore a forma di H.

– braccio superiore del sistema della sospensione anteriore a lunghezza fissa per Thunder Shot, Thunder Dragon e Fire Dragon (a sinistra nella immagine, braccio evidenziato in rosso). Braccio superiore del sistema della sospensione anteriore regolabile per Terra Scorcher (a destra nella immagine, braccio regolabile evidenziato in blu).

– mozzo per fusello del sistema di sterzo non rinforzato per Thunder Shot, Terra Scorcher e Fire Dragon (a sinistra nella immagine, mozzo evidenziato in rosso). Mozzo per fusello del sistema di sterzo rinforzato per Thunder Dragon (a destra nella immagine, mozzo evidenziato in grigio).

La primissima serie di Thunder Shot ha i bracci anteriori dello sterzo che presentano due fori (evidenziati in rosso nella immagine) che sono poi diventati uno solo per tutte la famiglia (evidenziato in blu nella immagine). Possiamo quindi distinguere una Mk1 e una MK2. I mozzi posteriori della Mk1 presentano anche loro due fori, vedere il punto in cui si parla dei mozzi posteriori.

– giunto a perno per i quattro assi su Thunder Shot, Thunder Dragon e Fire Dragon (a sinistra nella immagine). Giunto cardanico per i 4 assi su Terra Scorcher (a destra nella immagine).

– impostazione della trasmissione di derivazione Hot Shot; trasmissione sulle 4 ruote con differenziale anteriore e differenziale posteriore che ospita il motore. Il guscio posteriore del differenziale, il guscio anteriore del differenziale, trasmissione e telaio centrale sono progettati da Tamiya appositamente per questa famiglia, Nell’immagine è rappresentato il modello Terra Scorcher,
– sistema di sterzo anteriore a doppio braccio oscillante, una prima assoluta per Tamiya.

– il guscio centrale del telaio è aperto verso la parte superiore per permettere una migliore ispezione della elettronica. Nell’immagine è rappresentato il modello Terra Scorcher,

– sospensione posteriore a bracci sovrapposti con doppio ammortizzatore senza barra di torsione per Thunder Shot, Thunder Dragon e Fire Dragon (a sinistra nella immagine). Sospensione posteriore a bracci sovrapposti con doppio ammortizzatore con barra di torsione per Terra Scorcher (a destra nella immagine, barra di torsione evidenziata in blu). Il braccio superiore è a forma di I e quello inferiore a forma di H.

– braccio superiore del sistema della sospensione posteriore a lunghezza fissa per Thunder Shot, Thunder Dragon e Fire Dragon (a sinistra nella immagine, braccio evidenziato in rosso). Braccio superiore del sistema della sospensione posteriore regolabile per Terra Scorcher (a destra nella immagine, braccio regolabile evidenziato in blu).

– mozzo posteriore non rinforzato per Thunder Shot, Terra Scorcher e Fire Dragon (a sinistra nella immagine, mozzo evidenziato in rosso). Mozzo posteriore rinforzato per Thunder Dragon (a destra nella immagine, mozzo evidenziato in grigio).
Il mozzo della Thunder Dragon è stato installato anche nei primi modelli di Thunder Shot MK1.

– bracci delle sospensioni parte D hanno cambiato leggermente forma e denominazione; Thunder Shot e Thunder Dragon installano di fabbrica il codice 10005303 che diventa 10005347 per Terra Scorcher e Fire Dragon. Nei modelli Terra Scorcher e Fire Dragon viene aggiunto un rinforzo per rendere più rigido il braccio, evidenziato dalla freccia rossa nella immagine.

– diverse carrozzerie che portano ad avere diversi attacchi della carrozzeria al telaio; torri posteriori per Thunder Shot, Thunder Dragon e Fire Dragon (a sinistra nella immagine, torri evidenziate in rosso). Piastra posteriore per Terra Scorcher (a destra nella immagine, evidenziata in blu).

Riedizioni

A partire dal 2005 e fino ad oggi (2024) il telaio Thundershot è stato utilizzato in diverse riedizioni:

– Thunder Shot, modello numero 58361 messo in vendita nel 2005 e disponibile sul mercato fino al 2007,
– Fire Dragon, modello numero 58403 messo in vendita nel 2008 e disponibile sul mercato fino al 2011,
– Terra Scorcher, modello numero 47442 messo in vendita nel 2020 e disponibile sul mercato fino al 2021,
– Fire Dragon, modello numero 47457 messo in vendita nel 2020 e disponibile sul mercato fino al 2022,
– Thunder Dragon, modello numero 47458 messo in vendita nel 2021 e disponibile sul mercato fino al 2022,
– Saint Dragon, modello numero 47459 messo in vendita nel 2022 e disponibile sul mercato fino al 2023. In questo caso Tamiya ha introdotto una nuova carrozzeria,
– Thunder Shot, modello numero 58706 messo in vendita nel 2022 e disponibile sul mercato fino al 2023

Le differenze tra la versione originale e le riedizioni sono minime, la differenza maggiore è dovuta all’introduzione del controllo elettronico della velocità che prende il posto di quello meccanico e quindi non è più necessario installare la resistenza elettrica con il suo dissipatore.

Il Logo Tamiya, le immagini dei cataloghi, le confezioni , le guide tecniche sono di TAMIYA INC, che non supporta o sponsirizza in nessun modo www.tamiyaclassic.com. Tutti i marchi, loghi, immagini del sito sono copyright dei rispettivi proprietari e non appartengono a www.tamiyaclassic.com.