Telaio Tamtech a passo corto (SWB)

Sono tre i modelli che sono dotati di telaio Tamtech a passo corto. Per la numerazione che identifica questi modelli c’è un po’ di confusione perché la prima serie nel 1986 è rilasciata alla vendita con 4 cifre di codice identificativo che diventano 5 cifre dal 1987. Il codice a 5 cifre è quello che ha avuto più diffusione nei cataloghi fino alla uscita definitiva dal mercato nel 1992.
Oltre a questa confusione dettata dal codice identificativo, questi modelli sono disponibili in due versioni:

– soluzione pronta a correte in cui la confezione comprende telecomando, elettronica di bordo “C.P.R.” o “Control Processing Reveiver” (servo + ricevente + controllo integrato della velocità), pacco di batterie 7,2 V da 270 mAh, telaio completo da costruire, carrozzeria da verniciare e da completare con gli adesivi. In alcuni mercati è compreso anche il carica batterie “TAMPACK” da 7,2 V per 270 mAh, nella maggior parte dei paesi è suggerito l’acquisto di un caricatore rapido (Tampack Quick charger alimentazione a 12 V). Il telecomando è di origine Futaba nella versione “Attack”, comprende la ricevente che ingloba il controllo di velocità e a parte il micro servo per lo sterzo.

– solo macchina in cui la confezione comprende telaio completo da costruire e carrozzeria da verniciare e da completare con gli adesivi.

Elenco dei modelli rilasciati alla vendita:

– Ferrari Testa Rossa rilasciata alla vendita nel 1987: codice numero 47005 macchina pronta a correre completa di elettronica – telecomando – batteria e codice numero 48005 solo macchina. La carrozzeria è in colore rosso da colorare e completare con gli adesivi.  Non è stato usato nessun codice a 4 cifre per questo modello.
– Porsche 961 rilasciata alla vendita nel 1987: codice numero 47006 macchina pronta a correre completa di elettronica – telecomando – batteria e codice numero 48006 solo macchina. La carrozzeria è in colore bianco da colorare e completare con gli adesivi. Il codice a 4 cifre per questo modello è 2111 per la versione pronta a correre e 2112 per la versione solo telaio e carrozzeria.
– Lamborghini Countach rilasciata alla vendita nel 1987: codice numero 47007 macchina pronta a correre completa di elettronica – telecomando – batteria e codice numero 48007. La carrozzeria è in colore bianco da colorare e completare con gli adesivi. Non è stato usato nessun codice a 4 cifre per questo modello.

Sono diverse le pubblicità che Tamiya o i vari importatori nel mondo hanno pubblicato sulle riviste di settore, nell’immagine sotto riportiamo alcuni esempi.

Sono disponibili altri codici che individuano i pezzi di ricambio:

– carrozzeria Ferrari codice numero 40017

– carrozzeria Porsche 961 codice numero 40018

– carrozzeria Lamborghini Countach codice numero 40019
– telecomando completo di ricevente-controllo velocità e servo, Tamtech 201 codice numero 1101 oppure 45001
– pacco batterie da 7,2 V 270 mAh, Tampack codice numero 5530 oppure 55030
– carica batterie rapido alimentazione a 12 V da 270 mAh, Tampack Quick Charger codice numero 5532 oppure 55032
– motore di ricambio FK-180SH Mini-Black, codice numero 2603  oppure 40003
– differenziale di ricambio completo di pignoni, codice numero 2605 oppure 40005
– cerchioni di ricambio (4 pezzi), codice numero 2604 oppure 40004
– ruote anteriore di ricambio in spugna (4 pezzi), codice numero 2608 oppure 40008
– ruote posteriori di ricambio in spugna (4 pezzi), codice numero 2608 oppure 40009
– set di cuscinetti a sfera codice numero 40012
– centralina ricevente con controllo velocità codice numero 45008

Le caratteristiche principali di questo progetto sono:

– trasmissione sulle due ruote posteriori,
– telaio a doppio guscio centrale che ospita la ricevete-controllo velocità e il servo per lo sterzo,
– sistema posteriore che ospita motore FK-180SH Mini-Black e trasmissione con differenziale. La confezione comprende 4 pignoni da 8, 10, 12 e 14 denti. Un numero di denti più alto incrementa la velocità massima raggiunta però riduce la vita utile della batteria e l’accelerazione,
– le sospensioni anteriori indipendenti agiscono direttamente sul fustello dello sterzo. La confezione comprende due set di molle: le molle grigie sono quelle normali e quelle nere sono quelle più morbide. Le molle più morbide garantiscono una miglior prontezza dello sterzo e un comportamento sovrasterzante della macchina,
– le sospensioni posteriori ad assale rigido agiscono tra il guscio centrale e il gruppo motore posteriore. L’escursione garantita è minima, ma sufficiente per un modello così compatto,
– sistema innovativo del controllo della velocità del motore via centralina C.P.R. che è la sigla di “Control Processing Reveiver”; scheda elettronica che comprende la ricevente e il controllo integrato della velocità del motore. La centralina permette un movimento proporzionale al comando in avanti ed indietro. L’elettronica è dotata di un sistema di sicurezza contro il corto circuito e contro il surriscaldamento. Interviene la sicurezza che blocca tutto quando la macchina è usata su superfici gravose e il motore si scalda troppo. E’ necessario aspettare che il sistema si raffreddi prima di poter tornare ad usarlo, tempo medio 15 minuti. Le superfici da evitare sono manti erbosi, tappeti e superfici ricoperti da sabbia fine; per un corretto funzionamento evitare che lo sporco si accumuli sulla trasmissione, ingranaggi e differenziale. La centralina è delicata e soffre se esposta alla pioggia e all’acqua,
– le quattro ruote sono in spugna e sono la parte che si consuma durante l’uso, le altre parti non sono soggette a particolare usura o rotture.

Il sistema del contatto on-off è un po’ complesso da assemblare e se l’operazione non viene compiuta a regola d’arte può generare falsi contatti spegnendosi durante il normale funzionamento della macchina.

La versione a passo corto e lungo della Tamtech sono completamente diversi uno dall’altro pur riprendendo i concetti base, il passo corto è l’evoluzione del passo lungo. Guida che illustra le differenze tra il telaio a passo corto e quello a passo lungo.
E’ più veloce elencare le parti in comune tra i due modelli: differenziale posteriore, pignoni, motore FK-180SH Mini-Black, boccole-cuscinetti a sfera, molle sospensione anteriore, mozzo ruote, assale di trasmissione, gruppo CPR con servo e pacco batteria…
Per il telaio 4×005, 4×006 e 4×007 c’è la possibilità di modificare la distanza tra asse anteriore e posteriore di circa 7 mm. La Porsche 961 modello 4×006 ha il passo più corto in assoluto pari a 97 mm. La Testa Rossa modello numero 4×005 e la Countach modello numero 4×007 hanno il passo pari a 104 mm, pur restando comunque un telaio a passo corto in quanto i telai 4×001; 4×002, 4×003 e 4×004 hanno un passo pari a 116 mm.
Nell’immagine a sinistra è evidenziato come impostare il telaio a passo corto con passo a di 97 mm installando asse del gruppo motore – trasmissione nel punto blu ed a destra è evidenziato come impostare il telaio a passo corto con passo da 104 mm installando asse del gruppo motore – trasmissione nel punto rosso.

Per adattare il telaio al passo più corto tra quelli disponibili i due tiranti posteriori hanno due posizioni diverse sul guscio centrale.

La scala di questi prodotti è 1/24 e tutti questi modelli sono dotati di carrozzeria in ABS molto dettagliata; le dimensioni del modello sono contenute infatti il telecomando è più grande del modello.
Ci sono diversi modelli statici che hanno esattamente la stessa carrozzeria installata sul telaio Tamtech. In alcuni casi sulla carrozzeria della versione statica è stampato la dicitura Tamtech all’interno della carrozzeria. Le differenze principali sono:

– i vetri dell’abitacolo sono trasparenti nella versione statica e sono di color nero nella versione Tamtech,
– i 4 fori delle viti per attacchi della carrozzeria al telaio sono solo abbozzati nella carrozzeria statica,
– il foro della carrozzeria per antenna che manca nella versione statica e
– alcuni particolari (come fari, scarico del motore, prese d’aria) sono parte della carrozzeria nella versione Tamtech, sono da incollare nella versione statica

Questi sono i modelli statici che condividono la carrozzeria con il modello Tamtech:

– Ferrari Testarossa modello numero 24059. La carrozzeria della versione statica è molto più dettagliata di quella della Tamtech. Nell’immagine a sinistra si vedono le prese d’aria laterali della versione statica che vendono sostituiti dalle barre che servono per unire il telaio alla carrozzeria nella versione Tamtech. La carrozzeria statica deve essere modificata per poter essere installata sul telaio Tamtech.

– Porsche 961 che ha partecipato alla 24 ore di Le Mans nel 1986 modello numero 24320 del 2011 e 24072 del 1987 ha la stessa identica carrozzeria della 4×006 e presenta i due fori per lato per bloccare la carrozzeria al telaio. Nel manuale di costruzione della versione statica (prima immagine a sinistra sotto) si vedono chiaramente i due fori per lato nella carrozzeria all’altezza delle due porte. Nella versione statica sono previste quattro perni a testa piatta che due per ogni lato chiudono questi fori (immagine centrale sotto). Questi fori sono nella stessa posizione nella carrozzeria della Tamtech e servono per le viti del sistema di blocco carrozzeria – telaio nella versione Tamtech (immagine a destra sotto); unica modifica da fare è il foro per antenna.

– non esiste un equivalente statico della Lamborghini Countrach 5000 quattrovalvole. Esistono diversi modelli simili, ma non c’è evidenza di tentativi di installazione di queste carrozzerie sul telaio Tamtech. Se il passo del modello Lamborghini LP500 S modello numero 24306 è corretto la probabilità di riuscire a installare una carrozzeria statica sul telaio Tamtech è alta.

E’ possibile adattare molte delle carrozzerie statiche al telaio Tamtech, guida che che illustra come valutare la fattibilità dal punto di vista tecnico dell’installazione di una carrozzeria statica su un telaio Tamtech.

Tuning

Per migliorare le prestazioni della macchina è possibile:

– cambiare il sistema di tiranti dello sterzo installando bracci in metallo più rigidi di quelli in plastica per migliorare la precisione di guida
– installare dissipatori in alluminio per raffreddare meglio il motore e incrementare le prestazioni
– cambiare le molle delle sospensioni anteriori. La confezione comprende due set di molle: le molle grigie sono quelle normali e quelle nere sono quelle più morbide. Le molle più morbide garantiscono una miglior prontezza dello sterzo e un comportamento sovrasterzante della macchina. E’ possibile trovare in commercio molle che hanno diversa rigidezza.
– cambiare i pignoni. La confezione comprende 4 pignoni da 8, 10, 12 e 14 denti. Un numero di denti più alto incrementa la velocità massima raggiunta però riduce la vita utile della batteria e l’accelerazione,
– cambiare il motore di serie FK-180SH Mini-Black con uno più performante nella serie FK180 o FF180

Il Logo Tamiya, le immagini dei cataloghi, le confezioni , le guide tecniche sono di TAMIYA INC, che non supporta o sponsirizza in nessun modo www.tamiyaclassic.com. Tutti i marchi, loghi, immagini del sito sono copyright dei rispettivi proprietari e non appartengono a www.tamiyaclassic.com.