F101

All’inizio questo telaio non ha una identificazione univoca, in seguito viene nominato F101 per distinguerlo dalla sua evoluzione telaio F102; F101 rappresenta il massimo livello di tecnologia al momento del rilascio alla vendita ed è la logica evoluzione del telaio Road Wizard ed è la base per tutti i seguenti telai F10x. Sono quattro i modelli che sono dotati del telaio F101:

– Ferrari F189 Late Version, modello numero 58084, messo in vendita nel 1990 e disponibile sul mercato fino al 1994,
– Tyrrell 019 Ford, modello numero 58090, messo in vendita nel 1990 e disponibile sul mercato fino al 1994,
– Lotus 102B Jubb, modello numero 58095, messo in vendita nel 1991 e disponibile sul mercato fino al 1993 e
– Jordan 191, modello numero 58103, messo in vendita nel 1991 e disponibile sul mercato fino al 1994

Questi quattro modelli rappresentano una novità molto importante per Tamiya e sono diverse le immagini che Tamiya ha pubblicato sui Guide Book dei primi anni 90.

L’elenco delle parti del modello Ferrari F189 numero 58084 e Tyrrell 019 numero 58090 evidenzia come, al contrario di quanto fatto in passato, questi modelli hanno moltissime parti in comune e non ci sono state particolari evoluzioni tecniche.

I modelli si differenziano per la carrozzeria, per la forma dell’alettone anteriore e posteriore. Partendo dall’angolo in alto a sinistra, procedendo verso destra e poi scendendo ripartendo da sinistra andando verso destra sono evidenziati i quattro diversi alettoni anteriori della Ferrari F189, Tyrrell 019, Lotus 102B e Jordan 191.

Partendo dall’angolo in alto a sinistra, procedendo verso destra e poi scendendo ripartendo da sinistra andando verso destra sono evidenziati gli alettoni posteriori della Ferrari F189 che è uguale a quello della Tyrrell 019, Lotus 102B e Jordan 191.

Le caratteristiche principali di questo telaio sono:

– nuovo differenziale posteriore a sfere che sostituisce quello utilizzato fino ad oggi nei formulini che era ad ingranaggi; questo è un passo avanti dal punto di vista della progettazione delle macchine da pista che verrà ripreso in seguito in tutti modelli come telaio Group C e la serie F10x

– nuova piastra inferiore in FRP divisa in due sezioni con funzione portante e di ammortizzare le asperità del terreno. La forma del telaio riprende la filosofia progettuale della seconda versione del telaio Road Wizard: un sistema di ammortizzazione evoluto al posteriore e un anteriore più rigido migliora la precisione di guida e la tenuta di strada. Il telaio è privo della piastra di rinforzo presente sul Road Wizard ed è composto da due parti: telaio anteriore e struttura a T posteriore
Il telaio F101 ha una altezza costante di 7 mm, il passo del telaio F101 è pari a 260 mm che supera di 10 mm quello della famiglia Road Wizard. Telaio Road Wizard evidenziato in blu e telaio F101 evidenziato in rosso.

– mono ammortizzatore posteriore è un CVA nella versione Mini.
– la struttura posteriore del telaio F101 che ospita motore, assale posteriore, scatola differenziale e sospensione si evolve rispetto alla struttura in uso del telaio Road Wizard. Questo sistema formato da due piastra a C ha subito diverse evoluzione:
è stato introdotto per la prima volta sui modelli Racing Master 1-2-3-4 con piastre a C e traverse tubolari in metallo (immagine a sinistra per Racing Master 2),
è stato evoluto nella forma sui modelli Racing Master 5-6-7 con piastre a C in metallo e traverse piatte in metallo o FRP (immagine al centro per Racing Master 7) ed
un’ulteriore evoluzione è presente sul telaio Road Wizard con piastre a C e traversa superiore in plastica irrobustito da una traversa inferiore tubolare in metallo (immagine a destra).

Il nuovo sistema sviluppato per il telaio F101 raccoglie tutte le esperienze fatte in precedenza garantendo leggerezza e resistenza alla torsione; è composto da:
due piastre in plastica a C che cambia leggermente di forma rispetto a quelle del telaio Road Wizard e
due inedite traverse in plastica (a sinistra nella immagine). Questo sottosistema composto da 4 parti in plastica è individuato come parte C numero 0005371 ed è presente sui telai Group C, F102, F103 e F104
– per irrobustire la struttura posteriore è prevista una piastra metallica a forma di rombo (codice 4305259) su cui viene fissato il motore (a destra nella immagine, piastra e motore evidenziati in grigio). Questa piastra a forma di rombo è mantenuta su tutti i telai da strada seguenti al F101 ed evita rotture alla piastra a C in plastica porta motore. Problema che affligge la soluzione sviluppata sul telaio Road Wizard.

– le sospensioni anteriori sono delle semplici molle che agiscono sul fusello dello sterzo riprendendo quanto testato con i telai RM Mk5…7 e Road Wizard.
– i modelli della famiglia F101 sono dotati di carrozzeria in Lexan ricchi di particolari.
– lo sterzo riprende il disegno dei modelli precedenti: i bracci dello sterzo hanno lunghezza diversa. Questo comporta che il raggio di curvatura lato destro è diverso da quello del lato sinistro.

– i bracci delle sospensioni anteriori sono quattro perché sono separati lato destro-sinistro e superiore-inferiore. La parte B numero 0005370 oppure ricambio codice 50387 è usata anche sul telaio Group C. Questo sistema di sospensione cambia completamente forma rispetto al telaio Road Wizard dove le sospensioni erano divise in due parti: la parte inferiore comprende alettone e bracci delle sospensioni, la parte superiore sono i bracci delle sospensioni. I fuselli dello sterzo (codice numero 0005059) accomunano i telai Road Wizard, F101, F102, F103 e F104.

Riedizioni

Il modello 58095 Lotus 102B Jubb è stato rilasciato nuovamente alla vendita nel 2012 con il modello numero 84287, telaio F104W. Ovviamente questo modello è più prestazionale rispetto al modello originale, il dato più significativo è il peso che è stato ridotto a 0,68 kg contro gli oltre 1,05 kg del modello originale.
A grandi linee il telaio F104W riprende ed estremizza gli stessi concetti progettuali del modello originale: piastra inferiore in FRP, piccola piastra superiore nella zona centrale-posteriore, ammortizzatori a molla sul fusello anteriore, mono ammortizzatore posteriore e sistema posteriore che ospita motore-asse-differenziale. Le migliorie sono diverse e la più evidente è la posizione del servo dello sterzo che è montato centralmente in posizione verticale.

Il Logo Tamiya, le immagini dei cataloghi, le confezioni , le guide tecniche sono di TAMIYA INC, che non supporta o sponsirizza in nessun modo www.tamiyaclassic.com. Tutti i marchi, loghi, immagini del sito sono copyright dei rispettivi proprietari e non appartengono a www.tamiyaclassic.com.